MANIFESTO DI INTENTI

 

Il 25 Novembre 1998 si è costituita Ruralia (volantino associazione), un’associazione culturale, senza scopo di lucro, che si propone di promuovere lo studio e la salvaguardia dell’edilizia rurale tradizionale e del suo paesaggio. Il problema del recupero di questo patrimonio diviene di giorno in giorno più pressante. L’abbandono dei fabbricati agricoli storici è un fenomeno in continuo incremento e l’indiscriminato uso dei materiali standardizzati dell'industria si traduce in un progressivo appiattimento delle tipologie edilizie e nella conseguente compromissione del paesaggio agrario. Questo quadro generale, oltre che portare alla cancellazione di un bagaglio storico e culturale di fondamentale importanza, rischia di estinguere anche una particolare conoscenza e pratica artigianale, tipicamente locale, legata alla posa in opera dei materiali tradizionali e a particolari tecniche costruttive.
Per intervenire sul patrimonio esistente in modo corretto, sia dal punto di vista tecnico che storico, sociale che economico, appare indispensabile prendere in considerazione tutti i fattori che possono incidere sulle scelte da intraprendere, pregiudicando in qualche misura il successo e l’impatto dell’intervento.
Ruralia nasce per rispondere a queste problematiche, propone un approccio al recupero polispecialistico, capace di tenere in considerazione le esigenze del fabbricato, del paesaggio, dell’ambiente e degli uomini, in modo che il patrimonio rurale possa ritornare ad essere luogo di produttività e di vita.
L’Associazione ha sede presso il Dipartimento di afferenza del suo Presidente pro-tempore.



IL PROGRAMMA


L’acronimo R.U.R.A.L.I.A. esprime in sintesi il programma dell’associazione.

 

 

I fabbricati rurali tradizionali sono parte integrante del paesaggio agrario.
Promuovere un “Recupero Unitario” sottende la volontà di non scindere mai l’intervento sui fabbricati dalla riqualificazione del paesaggio a cui essi sono strettamente connessi, ovvero dal luogo che li ha generati.
Le “Realtà Agricole” comprendono tutto il patrimonio di architettura rurale che abbia mantenuto inalterata la riconoscibilità della sua matrice d’origine.
Nel processo del recupero, il fabbricato trova in Ruralia il suo difensore d’ufficio e la costruzione della “difesa” si articola in tre punti :


CONOSCERE Attraverso la creazione della rete operativa, i soci vengono informati delle iniziative in atto a livello internazionale;
VALORIZZARE La costituzione di un centro di documentazione e ricerca nel campo dell’architettura e del paesaggio rurale favorisce la consapevolezza della consistenza di questo patrimonio;
CONSERVARE Attraverso la formazione di commissioni multidisciplinari di esperti, distribuite su tutto il territorio nazionale, le esigenze pubbliche e private si incontrano nel recupero dell’esistente.

ATTIVITA'

promozione di studi specialistici inerenti alla conservazione, al recupero, alla valorizzazione e al riuso del patrimonio di edilizia rurale tradizionale e del paesaggio agrario;
organizzazione di convegni, conferenze, corsi, pubblicazioni, viaggi di studio inerenti alla conoscenza, diffusione, divulgazione del recupero del patrimonio rurale e delle tecniche ad esso correlate;
formazione di un centro di documentazione per le ricerche nel campo del patrimonio rurale;
formazione di gruppi di studio che favoriscano la partecipazione attiva dei soci alla risoluzione dei problemi connessi alla conservazione del patrimonio esistente;
prestazione di consulenze ad amministrazioni, associazioni, enti pubblici e privati esprimendo il proprio parere su piani, progetti e provvedimenti inerenti il recupero e la riqualificazione dei fabbricati agricoli storici;
formulazione di consigli di idoneità per interventi di recupero da condursi su specifici casi studio.

Scarica il volantino associazione
 

Documento senza titolo
C.F. 97229040155 Segreteria - info@ruralia.org   Tel. 3204328337